Emanuele VALLI

Emanuele Valli il 13 Febbraio 1951 nasce a Legnano, città oramai più famosa per Umberto Bossi, che per l’omonima battaglia.
Ha frequentato il liceo classico, appassionato svisceratamente di greco e di latino al punto di “volerlo” studiare anche durante …le vacanze estive.

Dopo la maturità si iscrive alla facoltà di giurisprudenza dell’Università di Milano, dove nel 1978 si laurea con una tesi in Storia del diritto Italiano e più precisamente “ La prova testimoniale dai Codici preunitaria sino al 1913”.
In questa occasione scrive il primo racconto “ Il bosco dell’impiccato”, prendendo spunto da una sentenza (tra le tante necessariamente consultate) pronunciata a seguito di un omicidio avvenuto ai primi del secolo scorso.

A questo racconto Emanuele Valli è profondamente legato perché ha segnato una fondamentale tappa nella sua vita che fa parte di quel Sancta sanctorum della propria riservatezza.
Appassionato sin da bambino dell’ars venandi cum canibus di cui ha scritto un breve saggio, svolge l’attività di avvocato nel Foro di Milano.
Se non avesse conosciuto Michele Cennamo, giornalista e poeta, i suoi racconti, scritti, poesie e elucubrazioni mentali, li avrebbero letti solo tre persone o quattro persone , di cui uno il fratello, gli altri due, i figli ed il quarto il cartolaio che rilega con le spirali in plastica i fogli dattiloscritti.

Altro da dire su Emanuele Valli non c’è, o meglio si può dire che non può che ritenersi soddisfatto per aver raggiunto una meta insperata: la pubblicazione di alcuni dei suoi racconti.

Gli eBook dell’autore:

Il prestinaio menagramo

Le avventure di ‘ il povero casellante’

Vicolo scala santa

Il bosco dell’impiccato

La favola dei germani

Il tesoro di Magenta

Papario

X