Premio letterario "La mia Storia 2014": una precisazione doverosa

Gentili lettori,
per rispetto del nostro lavoro e di quello di chi vuole partecipare a questo Premio letterario, segnaliamo un fatto.

Ci è giunta una mail in redazione che chiedeva spiegazioni riguardo quanto letto su http://stranoforte.weebly.com/sala-da-pranzo/nuovi-concorsi-letterari-da-diventar-famosi, sito che ha avuto la presunzione di segnalare questo Premio tra quelli di dubbia serietà. Siccome, però, chi organizza questo Premio lo fa con correttezza e passione, non abbiamo nessun problema a dare spiegazioni riguardo quanto obiettato da chi, senza approfondire, ma solo per attirare visite sul proprio sito, scrivono ovvietà e insulti.

Riguardo i 10 euro di partecipazione, in caso il Premio non andasse a buon fine (il che succede quando non arriva niente di pubblicabile) non saranno restituiti, come è normale in tutti i Premi e perché altrimenti sarebbe più il costo della transazione e ci andremmo in rimessa, dopo aver letto in ogni caso un bel numero di testi. Ma è anche vero che nei due precedenti premi che abbiamo organizzato, pur di pubblicare i racconti validi che ci sono arrivati abbiamo ridotto il numero della raccolta da 15 a 10 e nel primo ne abbiamo persino aggiunto uno di un nostro autore (fuori concorso) giusto per raggiungere almeno la decina.

E’ vero anche che esaminiamo tutti i testi, che siano racconti o romanzi (che di solito sono almeno 100 pagine), se è il caso facciamo opera di editing quando l’idea alla base è buona e intelligente, li impaginiamo ci mettiamo la copertina e li carichiamo sulle piattaforme, li pubblicizziamo su facebook e sui nostri canali esattamente come tutte le nostre pubblicazioni.
E’ vero che non restituiamo i 10 euro se il Premio non va a buon fine e chi partecipa ne è consapevole, oppure chiede, visto che ci arrivano mail e telefonate a cui noi regolarmente rispondiamo.

Riguardo i diritti d’autore, non possiamo conteggiarli su un racconto di una raccolta che comprende minimo 10 testi e che costa al massimo 4,99 euro. Per quanto riguarda i romanzi vincitori del premio, invece, facciamo regolare contratto di diritto d’autore, ma non lo mettiamo nel bando per evitare confusione e inutili cavilli che complicano la dicitura di un bando.

I nostri Premi letterari, che fanno parte del progetto Nuova Letteratura patrocinato dal Comune della Spezia e dalla Regione Liguria, hanno lo scopo preciso di dare un’opportunità di pubblicazione (nessuno parla di Fama come canzona il sito in questione) a tutti coloro che hanno passione per scrivere, tant’è che dal precedente Premio Scriver-e-giovani, siccome era arrivato più di un romanzo meritevole, la Giuria ha stabilito di assegnare anche un secondo Premio cosa non compresa nel Bando.

Chiunque voglia ulteriori spiegazioni, inoltre,  può farlo tranquillamente, vantiamo serietà e qualità perchè noi cerchiamo di costruire, non distruggere.

X